Tappa 3: alloggio

Aparthotel Triana II

L'Aparthotel Triana II è una sistemazione abbastanza nuova e molto pulita a un prezzo molto ragionevole (Link: Aparthotel Triana II). Ciò è dovuto al fatto che qui non viene offerta la colazione e che la reception non è sempre presidiata.

Nessun problema per gli escursionisti: vari bar della zona si occupano dell'approvvigionamento della colazione e per i ritardatari è stata pensata la più semplice delle soluzioni possibili: le chiavi sono in camera dall'esterno e un avviso alla reception assegna il ospiti ai loro numeri di camera. La vita su La Gomera può essere così facile!

Le camere sono distribuite su due diversi cortili, un piccolo angolo cottura è disponibile in ogni camera per cucinare da soli - perfetto per gli escursionisti!

Aggiornamento dal 15/05/2017: Di recente ci sono state diverse esperienze per quanto riguarda il check-in senza problemi: la reception chiude ufficialmente alle 15:00. Si consiglia quindi di scrivere "Arrivo tardivo" nel campo dei commenti al momento della prenotazione ed essere preparati al vostro arrivo in hotel che potrebbe essere necessario fare prima una telefonata e attendere qualche istante prima della consegna delle chiavi.

Dall'esterno piuttosto senza fascino...

...dall'interno ma una sistemazione perfetta e curata!

Per la prenotazione dell'alloggio, consigliamo il nostro aiuto alla pianificazione tabellare e quindi particolarmente chiaro: alla panoramica tabellare.

Il secondo cortile dell'"Aparthotel Tirana II"

Tappa 4: Mappa

Tappa 4: Indicazioni

Istruzioni fase 4

Iniziamo la tappa odierna nella piazza principale di Vallehermoso e la lasciamo in discesa in direzione del benzinaio. Lì giriamo a destra davanti al parco giochi decorato con sculture femminili (waypoint 1). Nel tornante che segue, deviamo la strada e prendiamo le scale che fanno da scorciatoia. Ritornati sulla strada teniamo la sinistra al prossimo tornante in direzione "las Rosas" (waypoint 2). Presto la strada asfaltata porta a un sentiero in cemento. La lasciamo poco dopo a sinistra e saliamo su sentiero lastricato con muretti a secco.

La ripida salita ci conduce al Roque Cano e da lì, più piacevolmente e con una bella vista, all'inizio dell'abitato di Cruz de Tierno. Manteniamo la sinistra sulla strada asfaltata e poco dopo arriviamo ad un bivio (waypoint 3). Entrambi i percorsi portano al vicino bacino idrico. Se ti piace prendere il percorso ufficiale, vai a sinistra, se vai a destra, raggiungerai la tua destinazione allo stesso modo, poiché entrambi i percorsi si incontreranno di nuovo poco dopo. Arrivati al bacino, lo giriamo sul muro della diga e intravediamo per la prima volta il monte Teide. È possibile una deviazione di 100 m al ristorante el Campesino (waypoint 4).

Il sentiero prosegue su una rampa di scale all'angolo nord-est del bacino (attenzione, qui il marciapiede è recintato con un reticolo, se scopri le scale troppo tardi devi tornare indietro di qualche metro, waypoint 5) . Raggiungiamo una stretta strada asfaltata, che seguiamo in salita per un breve tratto, ma la lasciamo dritti alla successiva svolta a sinistra (waypoint 6). Il sentiero conduce oltre un vialetto privato. L'ingresso è un po' nascosto, ma si riconosce dai gradini di legno.

Dopo circa 50 metri di dislivello, il sentiero si dirama, svoltiamo a sinistra superando un palo della corrente (waypoint 7). Se il tempo è abbastanza sereno, saremo ricompensati per la salita con vista sul Teide. Seguiamo il sentiero più o meno dritto attraverso una piccola depressione e dopo la depressione incrociamo una strada, che incontriamo di nuovo poco dopo e che poi (cioè la seconda volta che ci incontriamo) seguiamo a sinistra (waypoint 8). Anche qui una vista sul Teide. Lungo la strada ci sono diversi ristoranti pensati per i turisti come "Juego de Bolas", "El Tambor" e un centro visitatori del Parco Nazionale di Garajonay.

Fatti sulla fase 4

Altitudine: 950 m di dislivello / 950 m di discesa
Percorso: 17 km
Durata: 7:00 (senza interruzioni)

Download del percorso - Fase 4 (file GPX)

Tutti gli altri download sono disponibili all'indirizzo mappe.

Dal centro visitatori via Agulo a Hermigua

Al ristorante "El Tambor" c'è la possibilità di continuare l'escursione direttamente a Hermigua - non consigliamo questo percorso (waypoint 9). Consigliamo la deviazione via Agulo per la vista spettacolare. Per fare questo, camminiamo tra il centro visitatori e il ristorante. Alla fine del piccolo agglomerato di edifici, girare a sinistra. Viste più spettacolari del Monte Teide sono la nostra ricompensa. Ignoriamo tutti i rami a destra. In un punto che ricorda un po' un paesaggio lunare per via dei cumuli di terra rialzati, veniamo condotti da una segnaletica a sinistra (waypoint 10), intravediamo un breve scorcio di La Palma e poi iniziamo una discesa più lunga.

Ad un bivio a T, dopo circa 100 metri di discesa, incontriamo un altro sentiero escursionistico. Scendiamo a destra fino a incontrare una strada al waypoint 11. Svoltiamo a destra sulla strada e svoltiamo a sinistra poco prima della galleria imboccando il sentiero escursionistico, che ci porta in discesa con una curva a destra al cimitero di Agulo.

Seguiamo la strada attraverso Agulo, dove ci sono diverse possibilità di sosta. Consigliamo una breve sosta al "Restaurante La Vieja Escuela" che ha dei bei posti a sedere all'aperto nelle nicchie del muro della strada (situato nella semicircolare "Calle Poeta Trujillo Armas").

Attraversiamo la piazza della chiesa dritti e la lasciamo attraverso la stretta "Calle Pintor Aguiar". Alla prossima svolta (waypoint 12) giriamo a sinistra e non lasciamo che il segnale del vicolo cieco ci spaventi. Per attraversare la gola davanti a noi in direzione di Hermigua, al prossimo bivio teniamo la destra. Con vista sul Teide camminiamo in discesa, alla fine della strada solo su gradini di pietra e su terreno terrazzato.

Dopo aver attraversato la piccola gola, nel villaggio di "Lepe" incontriamo nuovamente una strada che ci porta alla baia di Hermigua o alla "Playa de Santa Catalina". Qui giriamo la prima possibilità a destra (waypoint 13) e iniziamo la salita verso il centro di Hermigua. Sebbene il percorso non sia più molto spettacolare e si svolga su una strada asfaltata, passa un grande supermercato SPAR sulla strada principale. Raccomandazione: poiché non ci sono pause lungo la tappa di domani, acquistare in anticipo è una buona idea qui.

Tappa 4: Alloggio

Hotel Rural Ibo Alfaro

L'edificio dell'Hotel Rural Ibo Alfaro era in origine un'antica casa padronale, che è stata amorevolmente ristrutturata e trasformata in albergo, in modo che il fascino dell'architettura originaria risplenda oggi in tutto il suo splendore (Link: Hotel Rural Ibo Alfaro).

Le camere ei bagni sono confortevoli e la colazione è ottima: molti escursionisti saranno contenti del pane fresco integrale!

L'hotel si trova leggermente al di sopra del villaggio, quindi dopo una faticosa giornata di escursioni, è necessario pianificare un dislivello in più di 50 metri. Sarete ricompensati con una bellissima vista dalla terrazza ben curata o dalla vostra camera.

Per la prenotazione dell'alloggio consigliamo: il nostro aiuto alla pianificazione tabellare.

Tappa 5: Mappa

Tappa 5: Indicazioni

Indicazioni/Percorso

Oggi abbiamo davanti a noi una faticosa salita e dovremmo avere abbastanza acqua e provviste con noi: troveremo la prima tappa e faremo acquisti solo poco prima di San Sebastián de la Gomera.
La prima parte della nostra escursione è lungo la strada carrabile che risale il versante orientale della valle (come la più piccola, meno frequentata delle due carrabili). Per raggiungere questo vialetto dalla strada principale più ampia, lo lasciamo all'altezza del "Parque Curato" (waypoint 1) e percorriamo un breve tratto in salita a destra del fiume fino a raggiungere un ponte pedonale in metallo verde (waypoint 2). A questo punto attraversiamo il fiume e proseguiamo dritti nella piccola piantagione di banane. Una breve salita ci porta al cimitero “Las Nuevitas” e sulla suddetta strada, che seguiamo in salita per circa 1 ora.

Nel punto in cui la nostra piccola strada incontra di nuovo la strada principale, giriamo a sinistra sul ripido sentiero (San Sebastián è scritto qui come 14,9 km, waypoint 3). La salita è ripida e faticosa, lo sguardo torna alla valle di Hermigua, che continuiamo a lasciarci alle spalle. Il sentiero passa oltre un laghetto più in alto e incontra nuovamente la strada principale poco dopo un'area di sosta coperta (waypoint 4). Lo attraversiamo e continuiamo la nostra salita su un sentiero stretto. Gli alberi su questo lato della cresta sono drappeggiati da licheni ispidi: è difficile immaginare che ci imbatteremo in cactus e agavi a poche centinaia di metri di distanza in linea d'aria.

Circa 3 ore dopo la partenza a Hermigua raggiungiamo il punto più alto di questa tappa a circa 850 m (waypoint 5): Davanti a noi c'è una lunga valle, solitamente viziata dal sole. L'uso dei nostri bastoncini da trekking telescopici è particolarmente utile quando inizia la discesa, in parte su ghiaione sciolto.

I frutti di cactus maturi ci sorridono ancora e ancora, che raccogliamo con forchetta e coltellino, sbucciamo con cura e godiamo. Sfortunatamente, l'una o l'altra spina si perde sulle nostre labbra - ancora un piacere!

Nella discesa incontriamo nuovamente la strada principale, che è passata sotto la nostra montagna in galleria (waypoint 6). Lo seguiamo per un breve tratto in discesa finché il nostro stretto sentiero escursionistico si dirama nuovamente al prossimo tornante (waypoint 7).

Più in basso, il nostro percorso incontra una strada asfaltata che ci accompagnerà attraverso il "Barranco de Aguajilva" fino a San Sebastián. Il paesaggio cambia man mano che scendiamo, la natura diventa sempre più rigogliosa e verde.
Attraversiamo insediamenti più piccoli e con un po' di fortuna c'è la possibilità di fermarsi qui. Altamente raccomandato è, ad esempio, il piccolo e piuttosto poco appariscente "Bar El Atajo" (waypoint 8). Da "El Atajo" sono circa 7 km a piedi su strade asfaltate fino al centro di San Sebastián de la Gomera.

Variante 1: Se quest'ultima sezione è troppo noiosa per te o se non ti piacciono le escursioni su asfalto, puoi ordinare un taxi da "Bar El Atajo" (Suggerimento da Stephanie nel suo rapporto sul campo).

Variante 2: Dorothee ha scoperto un'altra variante per i tipi molto sportivi (attenzione: circa 4 km e altri 650 metri di dislivello!): Dal waypoint 8 "El Atajo" un ripido sentiero conduce alla cresta della montagna che corre parallela alla valle (vedi mappa separata), su cui si può poi fare un'escursione in direzione di San Sebastián con una splendida vista.

Fatti sulla fase 5

Altitudine: 800 m di dislivello / 950 m di discesa
Percorso: 17,9 km
Durata: 6:30 (senza pause)
nessun rinfresco in arrivo!

Download del percorso - Fase 5 (file GPX)

Tutti gli altri download sono disponibili all'indirizzo mappe.